top of page

Uffici

ACM Grafic Lab,
CREMOSANO CR

2016

La progettazione grafica e quella architettonica sono un succedersi continuo di prove, bozze e tentativi. Tutti conoscono ed apprezzano il risultato finale mentre il processo creativo che l'ha generato appartiene all'intimità di un team. Abbiamo pensato di rivestire i muri dell'ACM GRAPHIC LAB di queste prove per documentarle rispolverando un classico dell'interior design: la carta da parati. Combinazioni cromatiche della stessa texture in sequenza e sequenze di spazi pensati per essere abitati e visitati definiscono un contesto ibrido: a metà tra luogo di lavoro e percorso espositivo. Gli ambienti sono pochi e perfettamente riconoscibili anche se suddivisi in maniera effimera attraverso trasparenze, è il caso del vetro decorato tra lo spazio d'attesa ed il tavolo della meeting room e trame più o meno materiche, come la mesh poligonale che inquadra la printing room. Quello che resta è un corridoio molto trafficato, collegamento tra il laboratorio grafico ed i locali in cui si stampano i film plastici per packaging alimentare, core business dell'azienda. I pannelli esposti nel corridoio hanno l'obiettivo di rallentare il passaggio, annullando la differenza tra i clienti/avventori e gli addetti/lavoratori e caricando uno spazio squisitamente utile con nuova energia pop!

bottom of page